logo-rgb-neg_iuraecon advisor

Finanziamenti per l’avvio di attività imprenditoriali e di libera professione

Finanziamento nuove attività: Il decreto Coesione, adottato dal Consiglio dei Ministri il 30 aprile 2024, costituisce un importante strumento per promuovere lo sviluppo economico e sociale attraverso il sostegno all’autoimpiego e alla creazione di nuove attività imprenditoriali e professionali. Questo decreto introduce due nuove misure denominate Autoimpiego Centro Nord e Resto al Sud 2.0, volte a favorire l’avvio di iniziative imprenditoriali e lavorative sia nell’area del Centro-Nord che nel Mezzogiorno.

Finanziamento nuove attività

Entrambe le misure offrono supporto finanziario sotto forma di voucher e contributi a fondo perduto, mirati a incentivare l’avvio di attività imprenditoriali e professionali da parte di specifiche categorie di individui, tra cui giovani sotto i 35 anni, disoccupati da almeno 12 mesi, donne inattive o disoccupate, e coloro che beneficiano di ammortizzatori sociali inclusi nel programma GOL.

L’obiettivo principale di queste iniziative è quello di promuovere l’autoimpiego e l’ingresso nel mondo del lavoro autonomo e delle libere professioni, contribuendo così a stimolare l’occupazione e l’innovazione economica. Le risorse allocate per queste misure, derivanti sia dal Piano nazionale giovani donne e lavoro che dal PNRR – programma GOL, ammontano complessivamente a più di 5 miliardi di euro, rappresentando un sostegno significativo per l’avvio di nuove attività imprenditoriali e per la creazione di occupazione su tutto il territorio nazionale.

Le modalità attuative delle due misure, Autoimpiego Centro Nord e Resto al Sud 2.0, sono demandate ad un decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, da emanare di concerto con il Ministro degli Affari Europei, il Sud e le Politiche di Coesione e il PNRR. Questo decreto definirà i dettagli operativi e le procedure per l’attuazione efficace delle misure, assicurando che siano coerenti con gli obiettivi complessivi del piano di coesione e sviluppo economico nazionale.

I destinatari delle due misure sono definiti come segue:

a) Persone giovani di età inferiore ai 35 anni.

b) Persone disoccupate da almeno 12 mesi.

c) Persone in condizioni di marginalità, vulnerabilità sociale e discriminazione, come definite dal Piano Nazionale Giovani, Donne e Lavoro.

d) Persone inattive, come definite dal Piano Nazionale Giovani, Donne e Lavoro.

e) Donne inoccupate, inattive e disoccupate.

f) disoccupati beneficiari di ammortizzatori sociali destinatari delle misure del programma di politica attiva Garanzia di occupabilità dei lavoratori GOL.

Questi criteri mirano a includere una vasta gamma di individui che potrebbero beneficiare del supporto offerto dalle misure, sia per avviare nuove attività imprenditoriali che per accedere a opportunità lavorative, riducendo così il tasso di disoccupazione e promuovendo l’inclusione sociale ed economica.

Le due misure, Autoimpiego Centro Nord e Resto al Sud 2.0, finanziano l’avvio di attività imprenditoriali e libero-professionali, inclusa l’iscrizione ad ordini o collegi professionali. Le attività possono essere avviate sia in forma individuale, tramite l’apertura di partita IVA per la costituzione di impresa individuale o per lo svolgimento di attività libero-professionale, sia in forma collettiva, mediante la costituzione di varie tipologie di società.

Le agevolazioni concesse sono in “de minimis” e comprendono due opzioni alternative:

  1. Un voucher utilizzabile per l’acquisto di beni, strumenti e servizi necessari per l’avvio delle attività.
  2. Un contributo a fondo perduto.

L’importo del voucher e le percentuali di intensità del contributo variano a seconda della misura:

Per la misura Autoimpiego Centro Nord:

  • Il voucher ha un importo massimo di 30.000 euro, che può essere elevato a 40.000 euro nel caso di acquisto di beni e servizi innovativi, tecnologici e digitali, o di beni diretti ad assicurare la sostenibilità ambientale o il risparmio energetico.
  • Il contributo a fondo perduto è pari al 65% per programmi di spesa fino a 120.000 euro e al 60% per programmi di spesa oltre i 120.000 euro e fino ai 200.000 euro.

Per la misura Resto al Sud 2.0:

  • Il voucher ha un importo massimo di 40.000 euro, che può essere elevato a 50.000 euro nel caso di acquisto di beni e servizi innovativi, tecnologici e digitali, o di beni diretti ad assicurare la sostenibilità ambientale o il risparmio energetico.
  • Il contributo a fondo perduto è pari al 75% per programmi di spesa fino a 120.000 euro e al 70% per programmi di spesa oltre i 120.000 euro e fino ai 200.000 euro.

Inoltre, se le iniziative finanziate coinvolgono disoccupati iscritti al programma GOL beneficiari di ammortizzatori sociali, come la Naspi di cui al D.Lgs. n. 22/2015, o beneficiari del Supporto formazione lavoro, tali soggetti possono cumulare i trattamenti in godimento ed ottenere l’erogazione in unica soluzione al fine di utilizzarli come capitale d’avvio da conferire nelle iniziative finanziate.

Per una consulenza di un commercialista ad Aversa, contattaci

Finanziamento nuove attività

  //RESTIAMO IN CONTATTO  

Per approfondire

Se vuoi maggiori informazioni o vuoi una consulenza personalizzata compila il form e verrai contattato.

Compila il modulo di contatto con tutte le informazioni necessarie, saremo lieti di risponderti per fissare un incontro in presenza o online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iuraecon Advisors è uno studio professionale di Commercialisti ed Avvocati con sede ad Aversa e Napoli.
Svolgiamo attività di consulenza in materia legale, fiscale,
tributaria e commerciale.